Darwin e l'evoluzionismo: l'origine della specie
Banner
misteri.gif

Curiosità e cultura è a cura di Germain Lacroix Home Cultura Darwin e l'evoluzionismo: l'origine della specie

Cultura : storia, geografia, scienza, letteratura, arte

Darwin e l'evoluzionismo: l'origine della specie

Cultura

darwinCharles Robert Darwin (nato il 12 febbraio 1809 - Acquario) è stato un biologo, geologo, zoologo e botanico britannico, passato alla storia per aver formulato in modo compiuto la teoria dell'evoluzione delle specie animali e vegetali per selezione naturale.

Egli, inoltre, ha formulato la teoria dell'origine della specie e, per primo, ha teorizzato la discendenza di tutti i primati (uomo compreso) da un antenato comune (teoria di Darwin sull'origine dell'uomo).

Una curiosità che non tutti conoscono è che molti dei dati pubblicati (nel 1859) nell'Origine della specie furono raccolti durante un viaggio intorno al mondo, ed, in particolare, durante una sosta alle incontaminate Isole Galápagos.


Con la teoria evoluzionistica Darwin dimostrò che l'evoluzione è il filo conduttore delle diverse forme di vita.

Se i membri dello stesso gruppo si assomigliano è perché si sono evoluti da un antenato comune.

Le specie nascono mediante un processo di riproduzione, variazione e selezione.

Riproduzione ed economia

Gli organismi viventi non vivono in modo indipendente gli uni dagli altri, ma appartengono allo stesso ecosistema. Tuttavia, il loro processo riproduttivo è tale che il numero di individui di ogni specie potrebbe non essere più in equilibrio con le risorse alimentari e l'ambiente costituito dall'ecosistema della specie.

Le variazioni

All'interno di una stessa specie si presentano variazioni, qualitative e quantitative. A seconda dell'ambiente ed a causa della riproduzione.


La teoria della selezione naturale

La selezione è il risultato di una lotta continua per la sopravvivenza all'interno della stessa specie e nell'ecosistema.

In questa lotta prevalgono gli individui e le specie meglio strutturati rispetto alle risorse naturali che sono quelli che riusciranno a sopravvivere e riprodursi. L'evoluzione di nuove specie non è mai immediata, ma proviene da piccoli cambiamenti, frutto di una serie di adattamenti all'ambiente, e cioè di variazioni avvenute per selezione naturale.


Come è noto Darwin si dedicò ai suoi studi viaggiando e sperimentando, lasciando per esempio semi di piante in zone e in ambienti in cui non erano presenti, secondo una logica sperimentale. Verificando le capacità di adattamento di una specie in base all'ambiente.

A questo lavoro si aggiunse quello relativo agli animali domestici.

Darwin dedicò lunghi anni ed immensa attenzione alla selezione dei vegetali coltivati e degli animali domestici, dove la riproduzione avviene per scelta dell'uomo spesso sulla base del vantaggio economico, come avviene per bovini e suini, o per motivi "estetici" come accade per cani e alcuni uccelli.

A tal proposito Darwin scrisse la sua opera forse più lunga: La variazione delle piante e degli animali in condizione di domesticità.

L'importanza di questi studi, tuttavia, non è molto riconosciuta e la maggior parte dell'influenza che lo scienziato ebbe è rimasta confinata alle sue indagini sulla selezione naturale.

 

Cultura Cultura

Tags:
 

Commenti  

 
0 #1 RE: Darwin e l'evoluzionismo: l'origine della specielollo 2012-01-31 18:53
ciao
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Venerdi, 6 dicembre 2019
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner