[¯|¯] Glossario di Astrologia | Dizionario Dichesegnosei.it
Banner
zodiaco.png

Astrologia

Home Glossario di Astrologia

[¯|¯] Glossario di Astrologia | Dizionario Dichesegnosei.it

glossario dizionario di astrologia

Tutti i termini più comuni in Astrologia dalla A alla B

A | B | C | D | E | F | G | H | I | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

A

Acqua: elemento composto dal freddo e dall'umido; la qualità prevalente è il freddo; vedi segni di acqua

Aria: elemento composto dal caldo e dall'umido; la qualità prevalente è l'umido; vedi anche segni di aria

 

Apogeo: E' il punto più lontano dalla Terra nel quale viene a trovarsi un astro nel suo moto di rivoluzione. In Astrologia, si ritiene che in questo caso il pianeta abbia un influsso minore

Ascendente: (vedi anche Carta del cielo): è il segno che all'ora e nel luogo di nascita ascende cioè si alza ad Oriente (est). Coincide con la prima casa, associata al corpo fisico e all'immagine che, consciamente o meno, si vuole dare di se stessi. In Astrologia indica, infatti, come si appare agli occhi degli altri.

Aspetti planetari: gli aspetti indicano gli influssi che si vengono a formare tra tutti i pianeti.

A seconda della posizione nello Zodiaco, tra un pianeta e l’altro, si possono formare degli angoli che vengono considerati positivi o negativi nel Tema Natale o nell’oroscopo. In quest’ultimo caso vengono definiti “transiti”.

 

I più comuni sono i seguenti:

CONGIUNZIONE : distanza in gradi 0 +- una tolleranza di 9 °

 

SESTILE : distanza di 60° +-6° aspetto positivo, armonico

 

TRIGONO : distanza di 120° +-9° aspetto positivo, armonico

 

QUADRATO : distanza di 90° +-9° aspetto negativo, disarmonico

 

OPPOSIZIONE : distanza di 180° +-9° aspetto negativo, disarmonico

 

 

Gli aspetti possono essere forti ed avere una tolleranza fino a +-3° tra loro oppure deboli ed avere una differenza maggiore di 6°. Ciò comporta che l'influenza di un certo aspetto è più o meno incisiva per dare un'impronta alla personalità.

 

top

B

C

Caldo: qualità prima attiva che tiene unite solo cose della medesima natura; vedi qualità prime, qualità attive.

 

Carattere

Il carattere, (dal greco, charaktèr), invece, significa “impronta”, cioè quella parte più profondamente impressa dentro di noi, che, è direttamente collegata al ciclo della vita. Quel ciclo, che vede il Sole attraversare i segni dello Zodiaco.

Carta del cielo o Tema natale: è una mappa sulla posizione dei pianeti nei Segni e nelle case al momento specifico della nascita di una persona.

Esistono due tipi di Tema natale: quello semplice e quello approfondito. Per avere un tema natale semplice, è sufficiente conoscere la data e il luogo di nascita. Conoscendo questi dati, è possibile risalire alla posizione dei pianeti al momento della nascita e in quale segno si trovavano. La posizione dei pianeti, infatti, è importante perchè può influire sul nostro segno zodiacale, dandoci pregi o difetti di altri segni.

Per calcolare online il tuo tema natale ora clicca qui

Per avere una carta del cielo approfondita, invece, è necessario sapere, oltre al luogo ed alla data, anche l'ora di nascita della persona. Infatti, i segni e i pianeti non sono i soli elementi della Carta del Cielo, ve ne è un altro molto importante: le Case astrologiche, per conoscere le quali è necessario calcolare l’ascendente; questo ultimo indica la prima casa.

Purtroppo, se non siamo in possesso di questo dato fondamentale (ora di nascita), potremo calcolare il nostro ascendente e non potremo eseguire un tema natale approfondito! Tuttavia, il modo più semplice per ottenere con esattezza, salvo errori, l'ora della propria nascita è quello di rivolgersi all'ufficio anagrafe del proprio comune di nascita, richiedendo il proprio estratto di nascita "integrale".

Il segno dell’ascendente, infatti, determina il punto di partenza della Carta del Cielo e rappresenta sullo schema l’ oriente, cioè il punto dove nasce il Sole nel giorno di nascita del soggetto in esame. (In Astrologia, visto che tutto ruota in senso inverso, l’ oriente si immagina a sinistra e l’ occidente a destra proprio al contrario di quello che si rileva nelle carte geografiche).

Quindi, nella Carta del Cielo l’ Ascendente deve sempre trovarsi a sinistra sullo schema, e il Medio Cielo circa al centro in alto.

In termini astrologici, si chiama Cuspide l’inizio di una Casa, cioè l’angolo formato dalla linea che divide una casa dall’altra; le due linee che congiungono ascendente (ASC) e discendente (DSC) e il medio cielo (MC) e il fondo cielo (FC) dividono la ruota zodiacale in quattro parti, determinando le case cardinali, cioè la I°, la VII°, la X° e la IV°, che sono considerate le più importanti e, di solito, sul tema natale, si indicano in numeri romani per distinguerle dalle altre; l’influsso dei pianeti che si trovano a passare in queste Case, specialmente in prossimità delle Cuspidi, si fa sentire fortemente sul carattere del nativo.

 

 

Case: Le Case astrologiche sono dodici divisioni del cielo attuate secondo l’ orizzonte (ascendente) e il meridiano (medio cielo - MC) di un luogo. Le Case rappresentano i campi fondamentali dell’esistenza umana; la loro posizione longitudinale si determina secondo l’ ora e il luogo di nascita della persona.

I segni e i pianeti non sono i soli elementi del tema natale, ma ci sono anche le dodici case astrologiche che rappresentano dodici settori della vita.

Il punto in cui inizia ogni casa è denominato cuspide e si va a trovare in uno dei dodici segni dello Zodiaco. Ogni casa rappresenta ciascuno dei 12 settori nei quali risulta divisa la sfera locale, secondo i diversi sistemi di “domificazione”.

La loro posizione si stabilisce secondo leggi matematiche, tenendo conto del movimento terrestre.

Le Case sono la base per la costruzione e l’ orientamento del tema natale; esse, pur essendo dodici, non vanno confuse con i Segni poiché, non solo non coincidono con essi ma non hanno nemmeno la stessa estensione in gradi anzi, a volte, le case possono prolungarsi e occupare due e tre segni.

Le Case rappresentano nel tema le diverse possibilità di realizzazione in tutti i campi della vita; inoltre, ognuna di esse rispecchia una parte della natura fisica e psichica del soggetto in esame.

Le caratteristiche particolari delle Case si inseriscono e si interpretano insieme alle attribuzioni dei segni che occupano e, nell’oroscopo, dei pianeti che vengono a transitare in esse.

 

 

Caduta: quando un pianeta è in caduta: le sue caratteristiche si esprimono a stenti: è considerata la debilità essenziale opposta all'esaltazione. Saturno ha la propria caduta in Ariete, Giove in Capricorno, Marte in Cancro, Venere in Vergine, Mercurio in Pesci, il Sole in Bilancia, la Luna in Scorpione.

 

Caldo: qualità prima attiva che tiene unite solo cose della medesima natura; vedi qualità prime o qualità attive.

Confine: è la prima delle due dignità minori e consiste nella divisione di ciascun segno zodiacale in cinque settori di ampiezza variabile, ognuno dei quali viene assegnato ad uno dei cinque pianeti.

 

Congiunzione: aspetto fra due o più pianeti che si verifica quando i pianeti sono posizionati l'uno accanto all'altro in un'orbita accettabile, generalmente entro 8 o 9°. La sua importanza dipende dalla natura e dalla quantità dei pianeti coinvolti nell'aspetto.

CONGIUNZIONE : distanza in gradi 0 +- una tolleranza di 9 °

 

Costellazioni zodiacali: Le costellazioni attraversate dal percorso apparente annuo del Sole (Eclittica), da cui prendono il nome i segni zodiacali, segni simbolici che dividono simbolicamente il cerchio zodiacale in 12 parti uguali.

 

Cuspide: persona nata a cavallo di due segni zodiacali; può assumere le caratteristiche di entrambi i segni zodiacali, quindi sia i pregi, ma anche i difetti.

Cuspidi delle Case: sono i punti in cui le linee di divisione tra una casa e l'altra intersecano l'eclittica. Nella domificazione di tipo placido distano sempre tra loro 2 ore temporali.

top

D

Debilità:

Decade: ogni segno zodiacale corrisponde a 30° di porzione della ruota dello Zodiaco (30° per dodici segni = 360°).

Ogni segno è divisibile in tre parti uguali di 10°, corrispondenti a 3 decadi.

Le decadi (in linea di massima sono)
dal 20 al 30 del mese: prima decade
dal01 al 10 del mese seconda decade
dal 11 al 21del mese terza decade

Approfondimento: secondo l’Astrologia, ogni elemento si suddivide in Cardinale, Fisso e Mobile.
Ogni segno, quindi, contiene in se stesso non solo l'elemento, ma anche il tipo di elemento in base alle decadi, se cardinale ( di prima decade), fisso (di seconda decade) o mobile (di terza decade).

 

Destro: tra due astri è detto destro quello che precede, secondo la successione dei Segni, fino alla distanza di 180°. (vedi anche sovreminenza)

Dignità: sono le relazioni naturali che intercorrono tra i pianeti dominanti e i Segni dello Zodiaco e che dipendono dal rapporto tra i singoli astri e la natura dei segni; le relazioni favorevoli fra pianeti e parti dello Zodiaco rappresentano una condizione di forza e si chiamano dignità.

Le dignità essenziali sono cinque: domicilio, esaltazione, triplicità, confine, decano.

Le dignità si dividono, per importanza ed influenza, in "maggiori" (domicilio, esaltazione, triplicità) e "minori" (confine e decano).

Discendente: Il punto opposto all'ascendente che corrisponde alla cuspide della settima casa. Descrive i rapporti tra una persona e gli altri, il grado di apertura verso il prossimo, rapporti sociali, associazioni d'affari, alleanze, relazioni importanti, matrimonio, collaborazioni, nemici, cause legali, il partner e sue caratteristiche.

Diurni: (pianeti diurni) sono il Sole, Giove e Saturno.

Domicilio: è la prima dignità in ordine di importanza, il luogo dello Zodiaco dove il pianeta ha più forza, ed indica benefici permanenti. Un pianeta si dice in domicilio o in dignità, quando è posizionato nel segno da esso governato.

Ogni pianeta governa un segno, sia singolarmente che in compagnia di un altro pianeta.

Quando un pianeta è in domicilio è in una collocazione in cui esprime al meglio le sue caratteristiche.

Ciascun pianeta ha un domicilio diurno ed uno notturno, tranne i cosiddetti pianeti luminari (Sole e Luna) che hanno un solo domicilio. Saturno ha il proprio domicilio in Capricorno e in Acquario, Giove in Sagittario e in Pesci, Marte in Scorpione e in Ariete, Venere in Bilancia e in Toro, Mercurio in Vergine e in Gemelli, il Sole in Leone, la Luna in Cancro.

Domicilio diurno: o domicilio solare, è il domicilio di un pianeta nell'emiciclo diurno o solare. Sono domicili solari quelli di Mercurio in Vergine, di Venere in Bilancia, di Marte in Scorpione, di Giove in Sagittario, di Saturno in Capricorno.

Domicilio notturno: o domicilio lunare; è il domicilio di un pianeta nell'emiciclo notturno o lunare. Sono domicili lunari quelli di Mercurio in Gemelli, di Venere in Toro, di Marte in Ariete, di Giove in Pesci, di Saturno in Acquario.

Domicilio preferito: è il domicilio che meglio si adatta alla natura del pianeta. Saturno preferisce l'Acquario, Giove il Sagittario, Marte lo Scorpione, Venere il Toro, Mercurio la Vergine.

 

Domificazione: è la suddivisione di ciascun quadrante della sfera locale in tre settori che prendono il nome di case. I tre principali sistemi di domificazione sono quelli del Campano, del Regiomontano e del Placido. Come detto in precedenza ( v. Case astrologiche), sono le case astrologiche che ci mostrano quali ambiti o aspetti della vita ricevono un maggiore peso rispetto ad altri nel tema natale o nell’oroscopo.

Ogni casa astrologica rappresenta un ambito particolare. La suddivisione delle case nel tema natale e in un oroscopo (cioè tenendo conto dei transiti del momento) varia da persona a persona, dato che viene calcolata in base all'ora esatta di nascita ed alla posizione geografica del luogo di nascita.

Il tema natale viene suddiviso da due assi rispettivamente negli emisferi orientale e occidentale ed anche negli emisferi diurno e notturno. I quattro punti di intersezione di questi due assi con l'eclittica determinano la suddivisione delle case.

Solitamente, la domificazione, si basa su un'ulteriore divisione di ognuno di questi quattro quadranti in tre segmenti. Ci sono vari modelli matematici secondo i quali vengono calcolate le case. Di conseguenza c'è una lista piuttosto lunga di differenti sistemi di domificazione, ma la maggior parte delle case differisce solamente nel metodo di calcolo utilizzato per dividere i quadranti. Forse proprio per questa ragione, il passaggio da una casa all'altra non è così chiaro come il passare da un segno all'altro. Infatti, i pianeti che occupano una posizione vicino alla fine di una casa spesso vengono considerati come appartenenti alla casa successiva.

L’orizzonte è una divisione orizzontale rappresentata dall'asse che divide il tema natale o l'oroscopo in una metà "superiore" (parte diurna) e una parte "inferiore" (notturna) rappresenta l'orizzonte al momento della nascita. Il punto che interseca l'eclittica all'orizzonte orientale viene chiamato ascendente. Esso è anche l'inizio o cuspide della prima casa. Opposto ad esso, sulla cuspide della settima casa, troviamo il discendente. I pianeti situati nelle vicinanze dell'ascendente al momento della nascita sono “in ascesa”, mentre i pianeti che si trovano vicino al discendente sono “calanti”.

Il secondo importante asse nella divisione verticale delle case è il meridiano. Esso divide l'oroscopo nell'emisfero orientale (sulla sinistra della carta di nascita) e nell'emisfero occidentale (sulla destra della carta natale). Il punto più alto d'intersezione di questo asse è chiamato Medium Coeli (MC) o Medio Cielo, il punto più basso (situato sotto l'orizzonte) è l'Imum Coeli (IC). I pianeti che si trovano vicino al Medio Cielo occupano il posto più alto possibile nel cielo al momento della nascita, mentre i pianeti situati vicino all'Imum Coeli sono per così dire sotto i nostri piedi, dall'altra parte della terra.

Dominatore: è il pianeta che ha maggiori dignità sul luogo zodiacale

 

top

E

Eclittica: in Astrologia è il cerchio della sfera celeste che rappresenta il percorso apparente del Sole nel cielo nell'arco di un anno. É suddivisa in 360 gradi eclittici a partire dal punto gamma. Si chiama eclittica poiché su questo circolo avvengono le eclissi, cioè il venir meno della luce. In realtà è la Terra che gira intorno al Sole, e il piano geometrico su cui si trova la sua orbita, si chiama piano dell'eclittica.

 

Effemeridi: Le effemeridi registrano in modo dettagliato il movimento giornaliero di Luna, Sole e Pianeti. Sono calendari astronomici che portano la posizione dei pianeti per il mezzogiorno o per la mezzanotte di ogni giorni dell’anno;

 

Elementi: sono le combinazioni tra una qualità attiva (maschile) ed una passiva (femminile). Sono il Fuoco (caldo e secco), l'Aria (caldo e umido), l'acqua (freddo e umido), la Terra (freddo e secco).

 

Emisfero: metà di una sfera. Per emisfero celeste si intende la metà della sfera celeste. La sfera celeste può essere suddivisa in senso orizzontale in due parti dall'Orizzonte, ottenendo in tal caso un emisfero visibile (al di sopra dell'Orizzonte) e uno invisibile, oppure in senso verticale dal Meridiano locale, ottenendo un emisfero orientale o Est (quello che contiene il punto cardinale est) e un emisfero occidentale o ovest (quello che contiene il punto cardinale ovest).

 

Equinozio: Giorno dell'anno in cui il giorno e la notte hanno la stessa durata (12 ore).

Gli Equinozi sono due: di Primavera (20 o 21 marzo) e d'Autunno (22 o 23 settembre). L'Equinozio di Primavera, è il punto in cui inizia lo Zodiaco (0 gradi), e il punto in cui inizia il segno dell’Ariete. L'Equinozio di Autunno è il giorno in cui ha inizio il Segno della Bilancia.

 

Esaltazione: è la seconda dignità in ordine di importanza, il luogo dello Zodiaco dove i pianeti mostrano il primo apparire della loro qualità. Quando un pianeta è in esaltazione in un segno: esprime le proprie caratteristiche in eccesso. Gli effetti dell'esaltazioni sono i più repentini ed appariscenti. Saturno ha la propria esaltazione in Bilancia, Giove in Cancro, Marte in Capricorno, Venere in Pesci, Mercurio in Vergine, il Sole in Ariete, la Luna in Toro.

 

Esilio: quando un pianeta è in esilio è perché si trova collocato nel segno opposto a quello da lui governato ed evidenzia i difetti del segno; è la debilità essenziale opposta al domicilio. Saturno ha il proprio esilio nel Cancro e nel Leone, Giove nei domicili di Mercurio, Gemelli e Vergine, Marte nei domicili di Venere, Toro e Bilancia, Venere nei domicili di Marte, Ariete e Scorpione, Mercurio nei domicili di Giove, Sagittario e Pesci, il Sole e la Luna nei domicili di Saturno, rispettivamente Acquario e Capricorno. E' detto anche detrimento.

top

F

Fondo Cielo (FC): vedi Imocielo

Freddo: qualità prima attiva che tiene unite cose di natura uguale ed anche contraria; vedi qualità prime e qualità attive.

Fuoco: Elemento composto dal caldo e dal secco; la qualità prevalente è il caldo; vedi anche segni di fuoco

top

G

 

Grado: un grado è 1/360 di una circonferenza. In Astrologia, i gradi sono unità di misura usate comunemente per descrivere il punto dove si trova un pianeta sullo Zodiaco.

top

I

Imocielo (IC) - E' il grado dell'eclittica che culmina al meridiano inferiore. É detto anche fondo del cielo (FC). Dal latino, basso cielo.

top

L

Luminari: sono il Sole e la Luna.

top

M

Maschili (vedi pianeti maschili; segni maschili;)

Mediocielo (MC): è il grado dell'eclittica che culmina al meridiano superiore. Dal latino, mezzo cielo.

Moto diretto dei pianeti: è il moto apparente di un pianeta lungo il circolo zodiacale, da ovest ad est, osservato dalla superficie terrestre. Il moto diretto può essere lento, medio, veloce, velocissimo, a seconda della fase in cui si trova il pianeta nel proprio ciclo di rivoluzione

Moto diurno: è il movimento di rotazione che la sfera compie su se stessa da est a ovest, nel tempo di 24 ore, generando i fenomeni del sorgere, del culminare e del tramontare. Si può esprimere in ore o in gradi di equatore secondo la relazione 24 ore = 360°, 1 ora = 15°.

Moto retrogrado: vedi retrogrado

top

N

O

Opposizione: l'opposizione è un aspetto negativo che si verifica quando due o più pianeti sono esattamente all'opposto nella carta natale, formando un angolo di 180 gradi con uno scarto di + o - 9°. L'aspetto indica tensione fra energie planetarie che vanno in direzione opposte.

OPPOSIZIONE : distanza di 180° +-9° aspetto negativo, disarmonico.


Gli opposti, tuttavia, in Astrologia sono anche complementari perchè portano fra loro un mutuo scambio di energie e polarità.

top

P

 Personalità

La personalità, come indica la stessa parola, descrive la persona (dal latino la “personar”, era la mascheraesperienze che, nel corso della vita, l’individuo ha “vissuto” (educazione, religione, società, etc.). di legno attraverso cui parlavano gli attori di teatro) perché va ad analizzare anche le

 

 

Pianeti: in Astrologia, si definiscono pianeti tutti gli astri (quindi anche il Sole che è una stella e la Luna che è un satellite) che hanno un moto proprio nel cielo, rispetto allo sfondo delle stelle fisse. Dal greco, planêtês, errante, vagante, da planáô, deviare dalla retta strada.

Pianeti maschili sono il Sole, Saturno, Giove e Marte, ovvero quei pianeti nei quali l'umido non è prevalente sulle altre qualità prime (Saturno è freddissimo e secco, Giove è molto caldo e un poco umido, Marte è molto secco e caldo, il Sole è caldissimo e un poco secco)

Pianeti femminili Sono la Luna, Mercurio e Venere, ovvero quei pianeti nei quali l'umido è prevalente sulle altre qualità prime. Venere è molto umida, Mercurio è molto mutevole dal secco all'umido, la Luna muta secondo le sue fasi.

Precessione degli equinozi: fenomeno scoperto da un astronomo greco, Ipparco, che per primo si accorse che, dopo un anno, il sole visto dalla terra, non si trova esattamente nello stesso punto del cielo. E' il lento spostamento dell'eclittica rispetto all'equatore, in senso orario osservato dal polo nord celeste. Per effetto della precessione il punto gamma, o 0° di Ariete, si trova oggi nella costellazione dei Pesci, mentre nel primo millennio a.C. era nella costellazione dell'Ariete.
Nella sua orbita apparente la traiettoria del sole (eclittica) interseca l'equatore celeste in due punti che corrispondono ai due equinozi: l'equinozio di Primavera e l'equinozio di Autunno. Questi due punti, e di conseguenza l'intera volta celeste, si spostano perché l'asse di rotazione terrestre è inclinato di circa 23 gradi rispetto al piano orbitale.

Ogni anno, il punto corrispondente all'equinozio di primavera si sposta di circa 50" sull'equatore compiendo un giro completo in poco meno di 25800 anni. Per tutto questo tempo, il Sole si troverà, ad ogni Equinozio di Primavera, spostato rispetto all’anno precedente. Tutto il periodo che il Sole impiega a percorrere una Costellazione, si chiama “Era” ed ha la durata di circa 2150 anni.

 

Punti cardinali: intersezioni del meridiano e dell’equatore celeste con l’orizzonte, che in tal modo generano i 4 punti cardinali: Nord, Sud, Est ed Ovest

top

Q

 

Quadranti: sono le quattro parti in cui l'orizzonte e il meridiano dividono la sfera celeste vista dalla Terra (sfera locale) - il primo quadrante è compreso tra l'orizzonte orientale e il meridiano superiore, il secondo tra il meridiano superiore e l'orizzonte occidentale, il terzo tra l'orizzonte occidentale e il meridiano inferiore, il quarto tra il meridiano inferiore e l'orizzonte orientale.

Quadranti zodiacali: sono le quattro parti in cui si divide lo Zodiaco: il primo è il quadrante primaverile e comprende i Segni dell'Ariete, del Toro e dei Gemelli; il secondo è il quadrante estivo e comprende i Segni del Cancro, del Leone e della Vergine; il terzo è il quadrante autunnale e comprende i Segni della Bilancia, dello Scorpione e del Sagittario, il quarto è il quadrante invernale e comprende i Segni del Capricorno dell'Acquario e dei Pesci.

 

Quadrato: il Quadrato rappresenta uno scontro di energie dello stesso tipo (cardinale o di inizio stagione - fissa o di centro stagione - mobile o di fine stagione) ed è l'aspetto che due astri formano quando sono ad una distanza angolare di 90° nello Zodiaco; rappresenta aspetti negativi e conflitti.

QUADRATO : distanza di 90° +-9° aspetto negativo, disarmonico.

 

Qualità attive: sono il caldo e il freddo; si chiamano attive poiché sono difficilmente modificabili ed agiscono alterando le qualità passive.

 

Qualità passive: sono il secco e l'umido; si chiamano passive poiché sono facilmente modificabili ad opera delle qualità attive.

Qualità prime: sono le due coppie di qualità opposte, il caldo e il freddo, il secco e l'umido che, nelle loro diverse combinazioni, costituiscono tutti i corpi del mondo sensibile.

 

top

R

Retrogrado: E' un movimento apparente dei pianeti attraverso lo Zodiaco che sembrano muoversi inversamente rispetto alle normali traiettorie ed è causato da variazioni nelle loro velocità di rotazione. In Astrologia, per indicare questa caratteristica vengono indicati con una R di fianco ai gradi o al simbolo del pianeta. Quando un pianeta si muove in modo retrogrado, gli aspetti che forma con gli altri pianeti si presentano in modo meno importante.

Nel tema natale, se mercurio, venere o marte sono retrogradi e disarmonici possono provocare introversione. Il sole e la luna non si muovono mai con moto retrogrado. Mercurio è retrogrado per 23 giorni ogni 4 mesi circa. Venere si muove con movimento retrogrado per 42 giorni ogni 19 mesi circa; Marte è retrogrado per 72 giorni nel corso di due anni ed un mese, ma le variazioni sono abbastanza sensibili. Giove per 4 mesi ogni 13 mesi; Saturno è retrogrado per 4 mesi e mezzo ogni anno (380 giorni); Plutone, Nettuno ed Urano sono retrogradi per 5 mesi ogni anno.

 

top

S

Secco qualità prima passiva; domina in tutto ciò che ha limiti propri ben definiti ed è difficile a limitarsi; vedi qualità prime, qualità passive

Segno zodiacale: I segni zodiacali sono simboli legati alle costellazioni dello Zodiaco. I segni non corrispondono esattamente alle costellazioni zodiacali, anche perché i segni hanno tutti la stessa estensione (30 gradi) e dunque la stessa durata nell'anno (un mese), mentre le costellazioni a cui si riferiscono hanno estensioni diverse.
I segni zodiacali, a differenza delle costellazioni (che servono ad identificare la posizione di una stella) sono legati ai movimenti apparenti del Sole sullo Zodiaco e non a quelli reali: simboleggiano le tendenze innate legate al momento preciso in cui nasce una persona; dire che una persona è nata sotto il segno Ariete significa che essa è nata all'inizio della primavera, in Astrologia, non importa se la primavera avviene quando il Sole si trova realmente nella costellazione Ariete.

Segni cardinali: sono i segni che danno l'inizio ad una stagione: Ariete, Cancro, Bilancia e Capricorno. Sono energici, autoritari, attivi e portati ad iniziare le cose.

Ariete e Bilancia sono detti anche segni equinoziali

Cancro e Capricorno sono detti anche segni solstiziali

 

Segni di acqua: i Segni che appartengono a questo elemento hanno una natura intuitiva, sensibile ed emotiva, e un’intelligenza di tipo sentimentale; Segni d'acqua sono il Cancro, lo Scorpione, i Pesci; L’elemento acqua è composto dal freddo e dall'umido; la qualità prevalente è il freddo;

Segni di Aria: i Segni che appartengono a questo elemento hanno una natura intellettuale e la forma di intelligenza che sviluppano maggiormente è il pensiero. Sono i Gemelli, la Bilancia, l'Acquario;
L’Elemento Aria è composto dal caldo e dall'umido; la qualità prevalente è l'umido;

Segni di Fuoco: I Segni che appartengono a questo elemento denotano coraggio ed entusiasmo e sono Ariete, Leone e Sagittario. La forma di intelligenza che sviluppano maggiormente è l’intuizione.

Il fuoco è un elemento composto dal caldo e dal secco: il caldo è prevalente.

Segni di Terra: I Segni che appartengono a questo elemento hanno una natura pratica e conservatrice e sviluppano maggiormente i sensi. Segni di terra sono il Toro, la Vergine, il Capricorno. La Terra è un elemento composto dal freddo e dal secco; la qualità prevalente è il secco;

 

Segni femminili
Sono i Segni di Terra (Toro, la Vergine, il Capricorno) e di Acqua (Cancro, lo Scorpione, i Pesci). Hanno carattere introverso, cioè tendono a portare il mondo verso di sé.

Sono i due segni solstiziali o tropici e quelli che sono in trigono rispetto a loro - Cancro, Scorpione e Pesci; Capricorno, Toro e Vergine. I solstizi segnano infatti, nell'anno tropico, l'inizio del prevalere di una qualità passiva (femminile), il secco in estate e l'umido in inverno.


Segni equinoziali (Ariete e Bilancia) rappresentano le cose di breve durata. I segni equinoziali presentano qualità decisamente opposte (dal freddo al caldo in primavera, dal caldo al freddo in autunno) e sono facilitati nel giudizio, nella sintesi e nella previsione.

 

Segni Fissi: sono i segni che si collocano nella parte centrale di una stagione: Toro, Leone, Scorpione, Acquario. Sono ostinati e tendono a fissarsi.

 

Segni maschili: sono i segni di Fuoco (Ariete, Leone e Sagittario) e di Aria (Gemelli, Bilancia e Acquario). Hanno carattere estroverso, cioè tendono ad andare incontro al mondo.

Sono i due segni equinoziali e quelli che sono in trigono rispetto a loro - Ariete, Leone e Sagittario; Bilancia, Gemelli e Acquario. Gli equinozi segnano infatti, l'inizio del prevalere di una qualità attiva (maschile), il caldo in primavera ed il freddo in autunno.

 

Segni mobili: sono i segni che si collocano alla fine di una stagione: Gemelli, Vergine, Sagittario e Pesci. Questa qualità indica una natura flessibile e con grande capacità di adattamento e di superamento.

 

Segni solstiziali o tropici(Cancro e Capricorno): presentano mutamenti molto evidenti nel modo di illuminazione (massima durata del giorno in estate, minima durata in inverno) e sono portati per tutto ciò che è pubblico.

 

 

Sestile: aspetto che due astri formano quando sono ad una distanza angolare di 60° nello Zodiaco. E' un aspetto favorevole che indica la capacità di riuscire a fronte del compimento di un atto (magari uno sforzo) necessario.

SESTILE: distanza di 60° +-6° aspetto positivo, armonico
Il sestile è l’aspetto meno forte, ma è positivo buono e non fa eccedere: di solito mette in relazione due segni di elemento armonico, fuoco-aria oppure terra-acqua, che bene si integrano a vicenda, per formare una personalità più aperta e completa.

 

Sinistro: tra due astri è detto sinistro quello che segue, secondo la successione dei segni, fino alla distanza di 180°.

 

Sinastria: Comparazione dei temi natali di due persone per trovare punti di forza e debolezze riguardanti la loro compatibilità di coppia.

 

Solstizio: Giorno dell'anno in cui il Sole raggiunge il punto più basso o più alto nel suo movimento apparente nel cielo, rispettivamente al tropico del Capricorno e al tropico del Cancro.

I Solstizi sono due e nell'emisfero Nord avvengono il 21 o 22 giugno (Solstizio d'Estate) e il 21 o 22 dicembre (Solstizio d'Inverno). Nell'emisfero Sud le date dei Solstizi sono invertite. Nel giorno del Solstizio d'Estate inizia il Segno del Cancro, mentre nel Solstizio d'Inverno ha inizio il Segno del Capricorno.

 

Sovreminenza: in senso generale è la prevalenza dell’astro destro, che di norma sorge prima, rispetto al sinistro. Per esempio se Marte si trova in Ariete e Venere in Toro, si dice che Marte è sin sovreminenza rispetto a Venere. In senso particolare, la sovreminenza si osserva negli aspetti tra due pianeti, per sapere quale prevale. Nella congiunzone e nell’opposizione, l’essere destro perde importanza rispetto ad altri fattori, come la dignità. Nel quadrato invece è determinante perché determina sempre il prevalere dell’astro destro rispetto al sinistro.

Stellium
L'incontro fra tre o più pianeti o punti, che in un tema natale sono nello stesso segno o nella stessa casa.

 

top

T

 

Tema natale (vedi carta del cielo)

 

Transiti: Vedi Aspetti

 

Trigono: Il trigono è uno scambio fortissimo di energie dello stesso elemento: fuoco-fuoco, acqua–acqua e aria-aria. Nella ruota dello Zodiaco, i segni dello stesso elemento, infatti, formano un angolo di 120 gradi; è un aspetto armonico ed indica l’effetto positivo di un aspetto o posizione.

TRIGONO: distanza di 120° +-9° aspetto positivo, armonico

 

Triplicità: è la dignità che esprime il dominio dei pianeti sui quattro trigoni di Fuoco, di Terra, d'Aria e d'acqua. Ciascun trigono ha un dominatore diurno ed uno notturno.

Il trigono di Fuoco è dominato dal Sole di giorno, da Giove di notte; il trigono d'Aria è dominato da Saturno di giorno, da Mercurio di notte; il trigono di Terra è dominato da Venere di giorno, dalla Luna di notte; il trigono d'acqua è dominato da Venere di giorno, da Marte di notte.

top

U

Umido: Qualità prima passiva; domina in tutto ciò che non ha limiti propri ben definiti ed è facile a limitarsi. (vedi qualità prime e qualità passive)

top

V

Z

 

Zodiaco: dal Greco "zodiakos", che significa letteralmente il cerchio della vita. Lo Zodiaco è costituito da un cerchio immaginario che circonda la Terra lungo la via che il Sole percorre in un anno (questo movimento dell’ astro è solo apparente: in realtà è la Terra che si muove attorno al Sole). Tutti i pianeti, come il Sole, si muovono nella sfera celeste avanzando a velocità diverse, nel senso contrario al cammino delle lancette dell’ orologio (salvo durante brevi periodi denominati “retrogradi” nei quali si “muovono” in senso orario). La fascia zodiacale misura nella sua totalità 360 gradi ed è divisa in 12 parti o segni zodiacali di 30 gradi ognuna, che si susseguono nell’ eclittica nel loro ordine tradizionale, contraddistinti dai rispettivi simboli e ruotano in senso antiorario.

top

 

Se avete qualche suggerimento per le parole che dovrebbero essere incluse si prega di scrivere a contatti

 

 

Torna ad AstrologiaAstrologia zodiaco oroscopo

 

 

 

 

Mercoledi, 13 novembre 2019
La Luna oggi
Gemelli
Luna in Gemelli
0 gradi circa
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner