L'assassino del lago
Banner
misteri.gif

Curiosità e cultura è a cura di Germain Lacroix Home Misteri L'assassino del lago

L'assassino del lago

Misteri
Martedì 06 Aprile 2010 04:51

IL MISTERO DEL LAGO BODOM

Lago BodomIl massacro del lago Bodom, anche se poco conosciuto, è considerato un autentico mistero che ha avuto luogo in Finlandia il 5 giugno 1960.

Quattro teenager, i diciottenni Nils Gustafsson e Seppo Boisman e le quindicenni Tulikki Maki e Imeli Bjorklund, si erano accampati per la sera sulle sponde del lago quando, secondo la testimonianza dell'unico sopravvissuto, un uomo li avrebbe aggrediti con un coltello, uccidendone tre e ferendo il quarto, Gustafsson appunto.

Quest'ultimo ha vissuto una vita relativamente normale fino all'arresto avvenuto nel 2004 e l'accusa di omicidio cadde solo nell'ottobre 2005, quando una corte distrettuale lo sollevò dai reati prescritti.

Nel frettempo, si diffuse la voce che il lago e i suoi dintorni erano infestati da mostri e fantasmi.

Il mistero si infittì quando, il 6 giugno 1972, un uomo annunciò nella lettera che accompagnò il suo suicidio di essere l'omicida del lago Bodom.

Si appurò che costui gestiva il chiosco vicino al lago e che aveva venduto alle vittime una limonata. Aveva, inoltre, avuto diversi screzi con i campeggiatori.

Ulteriori investigazioni accertarono che l'uomo aveva un alibi di ferro (stava dormendo a casa con la moglie che testimoniò sotto giuramento).

Nel 2003 un ulteriore colpo di scena, il medico Jorma Palo pubblicò una propria teoria sull'omicidio: nel 1960 Palo lavorava come dottore nell ospedale di Espoo, e ricordò che pochi giorni dopo l'omicidio aveva curato un uomo molto sospetto per alcune ferite.

Si trattava di Hans Assmann, un tedesco che alcuni rapporti segnalarono in seguito come un agente della Stasi, i servizi segreti della ex Germania dell'est.

Secondo Palo, la mancanza di una indagine approfondita sulla posizione di Assman nella vicenda, era la prova di un possibile insabbiamento.

La polizia annunciò che il tedesco aveva un alibi, ma, nel 1997, poco prima di morire, pare che Assmann abbia confessato gli omicidi a un giornalista; all'epoca uno dei più gialli più misteriosi d'Europa, rimane tutt'ora un caso insoluto.

 

Torna a Misteri Misteri

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Domenica, 8 dicembre 2019
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner